IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistrarsiRegistrarsi  Lista utentiLista utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 Alcune riflessioni della 3° stagione

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
°Marty94°



Numero di messaggi : 1
Età : 22
Data d'iscrizione : 21.10.07

MessaggioOggetto: Alcune riflessioni della 3° stagione   Dom Ott 21, 2007 12:45 pm

LA PIOGGIA

Per diventare un chirurgo bravo, devi sempre pensare come un chirurgo.
Le emozioni confondono. Bisogna lasciarle fuori quando entri in sala
operatoria, pulita e sterile, dove quello che devi fare è molto semplice...Tagliare, suturare e chiudere.
Ma qualche ferita a volte..non riesci a chiuderla. E' una ferita che non si rimargina, che resta aperta.

~

Dicono che la pratica renda perfetti.
La teoria è: più ragioni come un chirurgo, più possibilità hai di diventarlo.
Più sei bravo a restare freddo, cinico nel tagliare, suturare e chiudere...e più sarà difficile cambiare atteggiamento.
Smettiamo di ragionare come chirurghi e ricordiamoci cosa vuol dire pensare da essere umani.

NEGARE NEGARE NEGARE
La chiave per sopravvivere quando sei uno specializzando in chirurgia...è negare.
Neghiamo di essere stanchi, neghiamo di avere paura, neghiamo di cercare il successo a tutti i costi. E cosa più importante... neghiamo che stiamo negando.
Noi vediamo solo quello che vogliamo vedere. E crediamo solo a quello che vogliamo credere. E' funziona.
Mentiamo così tanto a noi stessi che dopo un pò le menzogne cominciano
a sembrare realtà. Mentiamo così' tanto che non sappiamo più riconoscere la verità...neanche quando l'abbiamo di fronte.

~

A volte la realtà a un modo tutto suo assolutamente inaspettato di presentarsi..e quando la diga cede la sola cosa che si può fare è nuotare.
Il mondo della finzione è una prigione non un posto dove mettersi al sicuro. Non possiamo mentire a noi stessi troppo a lungo. Siamo stanchi. Siamo impauriti. E negare non cambia la realtà.
Prima o poi dobbiamo disfarci del nostro negare e guardare in faccia la realtà, sfidandola a duello.
Negare, negare, negare.
Negare l'evidenza, rischia di farci perdere di vista la realtà.


LASCIA CHE SIA
A scuola un giorno, durante una lezione, leggemmo Giulietta e Romeo.
Per migliorare i nostri voti la professoressa Snyder ci fece interpretare i vari ruoli. Sal Scaffarillo fece Romeo e il destino volle che io fossi Giulietta.
Le mie compagne erano tutte gelose ma io la vedevo in modo diverso. Dissi alla Snyder che Giulietta era un'idiota. Innanzitutto si era innamorata dell'unico uomo che non poteva avere, dopodiché diede la colpa al destino per una decisione che era soltanto sua.
La professoressa Snyder mi spiegò che quando entra in gioco il destino spesso non siamo più noi a scegliere.
Alla veneranda età di tredici anni mi era già estremamente chiaro che in amore, come nella vita, tutto è frutto delle nostre decisioni ..e il destino non centra assolutamente nulla!
Tutti trovano Giulietta e Romeo estremamente romantico. Il vero amore. Che tristezza.
Se Giulietta è stata così stupida da innamorarsi del nemico, bersi una bottiglia di veleno e adagiarsi in un sepolcro..bè ha avuto ciò che si meritava.

~

La professoressa disse che sarei stata fortunata se avessi vissuto una passione del genere con qualcuno, e che se fosse successo saremmo stati insieme per sempre.
Anche adesso credo che per la maggior parte l'amore sia fatto di scelte.
Bisogna posare veleno e pugnale e crearsi il proprio lieto fine, la maggior parte delle volte.
E che a volte nonostante le migliori scelte, tutte le migliori intenzioni.. il destino vince comunque.

CUORI SOLITARI
40anni fa i Beatles fecero al mondo una semplice domanda. Volevano sapere da dove provenissero tutti i cuori solitati.
La mia ultima teoria è che molti dei cuori solitari provengano dagli ospedali, e con esattezza dai reparti di chirurgia.
Siamo chirurghi, trascuriamo le nostre necessità per andare incontro alle necessità dei pazienti. Trascuriamo i nostri amici, le nostre famiglie per salvare amici e famiglie di altre persone. Questo vuol dire che alla fine della giornata tutto quello che ci resta è il nostro cuore, e niente al mondo può farci sentire più soli di così.

~

400anni fa, un altro inglese famoso aveva una sua opinione sulla solitudine, John Donne.
Pensava che noi non siamo mai soli ..ma lui lo diceva da grande poeta.
Nessuno è un'isola chiuso su se stesso.
---
Tornando al discorso dell'isola credo che Donne intedesse dire che tutti abbiamo bisogno di qualcuno. E di sapere che non siamo soli.
E chi ha detto che non possa essere qualcuno a 4 zampe, qualcuno con cui giocare e correre insieme o che ti stia solo accanto.

17 SECONDI
Nella vita ci insegnano che esistono sette peccati capitali.
Tutti noi conosciamo i principali. Gola, Superbia, Lussuria..
Ma un peccato di cui non si parla tanto è l' Ira, forse perchè pensiamo che l'ira non sia abbastanza pericolosa e che si possa controllare.
Quello che voglio dire è che forse sottovalutiamo l'ira. Forse potrebbe diventare molto più pericolosa di quanto pensiamo. Dopotutto, quando provoca reazioni distruttive, diventa il più grave dei sette peccati.

~

Allora cos'è che rende l'ira diversa dai sette peccati capitali?
E' piuttosto semplice, se ti abbandoni a un peccato come l'invidia e la superbia ferisci solo te stesso.
Se cedi alla lussuria o al desiderio non solo fai del male a te stesso ma probabilmente anche a qualcun'altro.
Ma l'ira.. l'ira è la peggiore. E' la madre di tutti i peccati.
Non solo l'ira può portarti a superare ogni limite ma quando succede rischi di coinvolgere un mucchio di altra gente.

HO PERSO IL MIO CREDO
All'essere umano servono molte cose per sentirsi vivo. Una famiglia, l'Amore, il Sesso. Ma serve una sola cosa per essere vivi davvero, serve un cuore che batte.
Quando il nostro cuore è minacciato reagiamo in due modi, fuggiamo oppure reagiamo.
Esiste un termine scientifico per questo, "combatti" o "fuggi" .
E' l'istinto.
Non possiamo controllarlo.
...
Oppure si?

Ci sarebbero tantissime altre frasi...ma non vi annoio ancora!Comunque ditemi cosa ne pensate!
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
StReGhEtTa J.L.H



Numero di messaggi : 474
Data d'iscrizione : 06.10.07

MessaggioOggetto: Re: Alcune riflessioni della 3° stagione   Dom Ott 21, 2007 12:47 pm

Ottimo lavoro davvero Very Happy brava! comunque a me piacciono davvero queste frasi... tutte... sono molto belle!!

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://bigforum.forumattivo.com
 
Alcune riflessioni della 3° stagione
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Festeggiamo l'arrivo della bella stagione!: ET per Seraphina
» riflessioni sulla società moderna
» Sul dominio della ragione e sulla ragione com potere: persona e politica nel mondo moderno ( riflessioni a partire da Stirner)
» Storia della tortura: riflessioni sul rapporto tra dolore, potere e rispetto del potere
» mascherine per interruttori della luce

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
thebigforum :: Telefilm :: Telefilm :: Grey's Anatomy-
Andare verso: